Corpus Hypercubus, di Salvador Dalì.

Il sorprendente connubio tra religione e matematica nato dall'eccentrica mente dell‘artista spagnolo.


Corpus Hypercubus (Crocifissione), 1954, olio su tela, 194,4 x 123,9 cm. New York, The Metropolitan Museum of Art

Chi ama l'artista spagnolo è abituato a scontrarsi con immagini destabilizzanti fuori dal comune, che trasportano lo spettatore verso un mondo onirico dove tutto pare possibile. Eppure, il #Corpus_Hypercubus di Salvador #Dalì del 1954 ci parla prepotentemente e solleva domande per la sua originalità. L'occhio del matematico, e non solo, viene sicuramente catturato da questa crocifissione per un elemento in particolare di forte rilievo: la croce. Osservatela bene: non è una croce tradizionale come quelle che si trovano in tutti i dipinti religiosi trattanti questo tema fondamentale del cristianesimo. Non è la croce che tutti si aspettano, quella costituita dall'incrocio di due semplici travi di legno disposte perpendicolarmente tra di loro. Qui la croce di Cristo ha assunto un'inconsueta volumetria tridimensionale. Otto cubi delle stesse dimensioni addossati gli uni agli altri formano un oggetto che ricorda la croce tradizionale ma appare profondamente diversa; quella croce ci è in parte familiare e in parte del tutto nuova. A cosa si deve questa scelta?


#Dalì è sempre stato attratto dalla matematica e da questioni scientifiche; più volte ha tratto ispirazione da questi mondi e da essi ha saputo estrarre concetti che ben si adattavano ai suoi scopi. Il suo interesse per le scienze era nato nel secondo dopoguerra con lo scoppio delle bombe atomiche sul Giappone e con il successivo sviluppo della armi nucleari, che portarono l'artista ad elaborare il suo misticismo nucleare. Nel 1958, Dalì scrisse il suo Manifesto dell'antimateria, nel quale si legge: "Nel periodo surrealista volevo creare immagini del mondo interiore e del mondo del fantastico, del mio padre Freud. Oggi il mondo esteriore e quello della fisica ha trasceso quello della psicologia. Il mio padre attuale è il prof. #Heisenberg."


"Nel periodo surrealista volevo creare immagini del mondo interiore e del mondo del fantastico, del mio padre Freud. Oggi il mondo esteriore e quello della fisica ha trasceso quello della psicologia. Il mio padre attuale è il prof. Heisenberg."

Quella strana croce appartiene al mondo della matematica. Per capire come, facciamo un passo indietro e torniamo alle scuole dell'obbligo, quando gli insegnanti ci hanno fatto costruire un cubo con un foglio di carta. Ecco come si fa. Disegnate su un foglio quattro quadrati tutti delle medesime dimensioni a formare una fila verticale, in modo che ogni lato inferiore di un quadrato sia in comune con il lato superiore del quadrato sottostante. Aggiungete poi altri due quadrati, delle stesse dimensioni degli altri, uno a destra e uno a sinistra del secondo quadrato a partire dall’alto della fila verticale costruita in precedenza. Avete così ottenuto una croce formata da sei quadrati. Ora ritagliate il contorno della croce e piegate i lati rimasti al suo interno. Siete adesso in grado di costruire un cubo tridimensionale a partire da una figura bidimensionale: è sufficiente piegare i quadrati muovendoli in altezza, dando così alla figura della croce iniziale la possibilità di conquistare una dimensione in più. Se smontate il cubo, riottenete nuovamente la croce bidimensionale da cui siete partiti. Ecco che la croce diventa allora la scomposizione di un cubo in uno spazio con una dimensione in meno.


Ora, è necessario uno sforzo di immaginazione. Esiste in matematica la possibilità di costruire figure geometriche in spazi quadridimensionali. La versione di un cubo in uno spazio con quattro dimensioni si chiama #ipercubo. Non vi chiedo di provare a visualizzarlo perché non è possibile; ciò che invece possiamo fare è costruire la sua scomposizione in uno spazio tridimensionale, ovvero in una dimensione in meno. Se facciamo ques